#BeCyberSmart: perché i veri amici non permettono che il loro amici vengano truffati

AttualitàcybersecurityMese della sicurezza informatica

La sicurezza informatica è importante.

In effetti, era già importante anche prima che i criminali informatici iniziassero a fare soldi con software malevolo, prima che avessimo bisogno di termini come phishing, botnet, catene di attacchi, kit di exploit, spyware e ransomware.

Ai tempi in cui i virus informatici riguardavano quasi esclusivamente il mettersi in mostra a compagni immaginari o erano uno scherzo distruttivo a spese di tutti il venerdì 13 eliminando i loro programmi uno ad uno …

… beh, anche allora, il crimine informatico (come lo chiamiamo in modo ineccepibile ora) non era né spiritoso né innocente.

Poi, a partire dal 2000 o 2001 circa, i criminali informatici hanno capito non solo come diffondere il caos con il malware, ma anche come fare soldi illegalmente.

Un sacco di soldi. Tanti, tanti, tanti soldi.

All’inizio degli anni 2000, i criminali carpivano $ 100 alla volta con popup che raccoglievano denaro per falsi enti di beneficenza; entro la fine del decennio stavano rubando i numeri delle carte di credito prendersi direttamente $ 1000 o più ogni volta; nel 2020 stanno ricattando in grande stile rubando o rimescolando i tuoi dati ed estorcendoti riscatti di $ 1.000.000 alla volta.

La cosa peggiore è che il crimine informatico ci colpisce tutti direttamente.

Non importa quanto possiamo sentirci poco importanti nell’economia digitale, o quanto poco pensiamo di possedere per attirare i criminali informatici, tutti abbiamo dati che per loro valgono qualcosa – e ci sono intere fasce del cyber-mondo che si arricchiscono a nostre spese solo rubando dati da vendere a qualcun altro.

In poche parole: un danno alla sicurezza informatica per te può trasformarsi rapidamente in un danno alla sicurezza informatica per tutti gli altri.

Come aiutare

Come puoi aiutare?

Un modo è sostenere il mese della sensibilizzazione alla sicurezza informatica, o CSAM in breve.

Sì, lo CSAM esiste da un po’ ormai – è ora al suo 17 ° anno (il tutto è iniziato negli Stati Uniti nel 2004), quindi incontrerai di sicuro i cinici che diranno: “Ma è sempre lo stesso vecchio e stanco consiglio riciclato ogni anno da persone che non riesco a pensare a niente di meglio da dire. ”

Non siamo d’accordo, perché le basi sono ancora importanti e comunque non le abbiamo ancora completamente risolte.

Ecco cosa abbiamo detto sette anni fa il giorno in cui lo CSAM ha raggiunto il suo decimo anno:

La sicurezza informatica è importante perché c’è tutta una rete di criminali informatici in attesa di prelevare denaro dalla nostra economia se diamo loro mezza possibilità.

Quindi sforziamoci di dare loro ancora meno di questa mezza possibilità.

Come abbiamo detto prima, considera il mese della sensibilizzazione alla sicurezza informatica come un incentivo per cambiare il tuo stile di vita digitale in meglio, nel lungo termine.

Ed è quello che stiamo dicendo ancora.

Certo, parte di ciò che senti durante lo CSAM l’avrai già sentito prima, come i consigli su come “scegliere le password corrette“, l’incoraggiamento a “fermarti – pensare – connetterti” prima di collegarti a siti web e inserire dati personali, e ricorda che “in caso di dubbio, non farlo“.

Ma anche se fai già tutte queste cose da solo da tempo, che dire dei tuoi amici? La tua famiglia? I tuoi colleghi?

Il tuo atteggiamento può aiutarli a migliorare anche la loro sicurezza informatica, quindi il nostro motto per lo CSAM 2020 è questo: GLI AMICI NON PERMETTONO CHE I LORO AMICI SIANO TRUFFATI.

Oppure, con le parole scelte per lo CSAM di quest’anno negli Stati Uniti, FAI LA TUA PARTE. #BeCyberSmart.

 

Perché un danno a uno è un danno a tutti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.