Social media: come lasciare (un po’) meno tracce

AttualitàFacebookGoogleLinkedinPrivacySocial MediaSocial NetworkTwitter

Più piattaforme di social media ti conoscono più soldi vali per loro e per i loro inserzionisti. Sappiamo tutti di essere monitorati, ma spesso siamo ancora sorpresi da quanto queste aziende sanno e quante informazioni personali stanno acquisendo man mano che viviamo la nostra vita. A meno di abbandonare i social media o entrare in una grotta, non possiamo sfuggire completamente alla loro presa. Ma possiamo in qualche modo ridurre il tracciamento e riottenere almeno un po’ di controllo.

In generale, è meglio disconnettersi dalle piattaforme social quando non le si utilizza – ed è preferibile non scegliere di utilizzare i sistemi di accesso tramite Facebook o Google su altri siti se non è necessario. Ogni volta che hai effettuato l’accesso, sei più facile da tracciare, anche se al momento non stai utilizzando Facebook o Google. Potrebbero tentare di rintracciarti anche se sei disconnesso, ma in questo caso potrebbero almeno avere problemi a collegare il tuo comportamento al tuo nome, soprattutto se utilizzi un browser incentrato sulla privacy come Duck Duck Go o Firefox impostato per bloccare cookie, tracker e fingerprinters. In un mondo perfetto, potresti anche preferire l’uso di account di messaggistica non collegati alle piattaforme social, un modo più comodo per rimanere disconnesso, ma, come milioni di utenti di Gmail ti diranno, non sempre facile.

Dai un’occhiata a quello che sanno

Per motivarti a rafforzare le tue impostazioni sulla privacy, guarda cosa ammettono di sapere su di te queste piattaforme. Ad esempio, su Facebook, seleziona Impostazioni e vai alle tue informazioni di Facebook. Qui puoi sfogliare o scaricare la tua cronologia – tutti i tuoi post, i Mi piace, le condivisioni, le ricerche e così via – nonché le informazioni sulle tue interazioni con gli inserzionisti. (La sezione “Inserzionisti che hanno caricato un elenco di contatti con le tue informazioni” può mostrare molte aziende di cui non hai mai sentito parlare.) Per quanto riguarda Google: fai clic sulla cerchia in alto a destra (potrebbe mostrare la tua foto o le tue iniziali). Quindi, fai clic su Account Google, scegli Dati e personalizzazione, scegli Scarica i tuoi dati e segui le istruzioni lì. (Potrebbe essere necessario del tempo a Google e Facebook per creare questi file da scaricare. Devono raccogliere molti dati.)

Limitazione dei dati di Facebook

Ora mettiamoci al lavoro mettendo alcune restrizioni. Cominciamo con Facebook.

In Impostazioni, considera di disattivare la Posizione in modo che Facebook non possa tenere traccia dei pattern mentre ti muovi nel mondo reale. Quindi, disattiva Face Recognition, così Facebook non cercherà di identificarti e taggarti in nessuna foto pubblicata da nessuno dei suoi 1,4 miliardi di utenti. Prendi in considerazione l’idea di rifiutare di fornire a Facebook un numero di cellulare che utilizzerà per il targeting degli annunci. In App e siti Web, disattiva App, siti Web e giochi per impedire a Facebook di condividere i tuoi dati con app di terze parti. (Tra le altre cose, questo disabiliterà i suddetti pulsanti “Accedi con Facebook” di cui abbiamo discusso in precedenza.)

Impedisci a Google, Twitter e agli altri di sapere troppo

Ora tocca a Google. Nella Gestione attività dell’account Google, puoi scegliere di interrompere la memorizzazione dei record delle tue ricerche, della cronologia di Chrome, delle registrazioni multimediali, delle posizioni in cui hai utilizzato i tuoi dispositivi e delle cronologie di ricerca e visione di YouTube. In “Le mie attività” puoi anche incaricare Google di cancellare regolarmente attività come le destinazioni di Maps e le richieste vocali di Google Assistant senza che ti venga chiesto.

Diamo un’occhiata ad alcune altre piattaforme. Mentre hai un certo controllo sul modo in cui Twitter personalizza la pubblicità e i contenuti a te indirizzati, hai una visione relativamente scarsa sui dati che raccoglie. In Impostazioni, Personalizzazione e Dati, puoi indicare a Twitter di non condividere i tuoi interessi o contenuti che hai visualizzato con determinati partner commerciali per la pubblicità e il marketing del marchio.

LinkedIn non ti dà molto controllo sulla raccolta dei dati, ma puoi apportare alcune modifiche. In Impostazioni e privacy, vai alla scheda Account e considera la disabilitazione della condivisione dei dati con i “Servizi consentiti” di terze parti. Nella scheda Privacy, considera la possibilità di rimuovere i dati relativi allo stipendio, cancellare la cronologia delle ricerche e porre i tuoi dati off-limits alla ricerca sociale, economica e sul posto di lavoro esterna. Nella scheda Annunci, è possibile disabilitare le informazioni dettagliate sui siti Web visitati, le interazioni con le aziende e le azioni correlate agli annunci.

Abbiamo solo scalfito la superficie e, come puoi vedere, anche se lavori sodo per limitare la raccolta dei dati, queste piattaforme stanno ancora acquisendo molte informazioni su di te. Alla fine, sembra probabile che avremo almeno un po’ più di aiuto da leggi e regolamenti – e possiamo usare tutto l’aiuto che possiamo ottenere.

E, naturalmente, mentre spetta a noi come singoli utenti monitorare il modo in cui i nostri account sui social media ci stanno monitorando, avere la giusta sicurezza sui nostri PC e Mac domestici può aiutare a tenere a bada altri pericoli. Prima di navigare in Internet, assicurati di avere una solida soluzione di sicurezza come Sophos Home. Tutti là fuori vogliono le nostre informazioni, quindi spetta a noi averne cura in ogni fase del percorso.

Leave a Reply

Your email address will not be published.