Tinder pensa al bottone antipanico per combattere il catfishing

Attualitàmachine learningMobilePrivacy

Nel tentativo di mantenere gli utenti al sicuro – e quando si tratta di Tinder o di altre app d’incontri, ciò significa impedire che si verifichino atti violenti – la nota app di appuntamenti ha deciso di incorporare al suo interno anche un pulsante antipanico legato al riconoscimento fotografico abilitato all’intelligenza artificiale (AI) per fermare il fenomeno del catfish.

Un catfish è un imbroglione che crea una persona fasulla sui social media, in particolare nel tentativo di spennare qualcuno attraverso una truffa romantica.

Ne è un esempio il trentacinquenne inglese, ora in carcere, che spacciandosi per Justin Bieber ha convinto alcuni minorenni a spogliarsi davanti a una webcam.

O Craig Brittain, ex proprietario del sito porno IsAnybodyDown, che ha carpito immagini di nudo a numerose donne fingendosi egli stesso una donna sul forum femminile di Craigslist.

Le notizie sul pulsante antipanico e altre nuove funzionalità di sicurezza sono state annunciate giovedì scorso dalla casa madre di Tinder, Match Group, che possiede anche praticamente tutte le app di appuntamenti più conosciute, tra cui Match, PlentyOfFish, Meetic, OkCupid, OurTime, Pairs, e Hinge.

Match afferma che spera di estendere le nuove tecnologie a tutti i suoi marchi, a cominciare da subito con gli utenti di Tinder negli Stati Uniti.

Per gestire i nuovi servizi di emergenza basati sulla posizione, Match ha investito in una società chiamata Noonlight. Le tecnologie di Noonlight consentiranno agli utenti di contattare rapidamente e in modo discreto i servizi di emergenza per ricevere assistenza senza dover chiamare o inviare un messaggio.

Match afferma di essere la prima compagnia di appuntamenti a investire in un sistema di risposta alle emergenze che consentirà agli utenti di Tinder negli Stati Uniti di ricevere assistenza diretta.

Mandy Ginsberg, CEO di Match Group, dice:

Un’esperienza di incontri sicura e positiva è cruciale per la nostra attività.

Abbiamo trovato una tecnologia all’avanguardia in Noonlight in grado di fornire servizi di emergenza in tempo reale – che non esistono su nessun altro prodotto di incontri – in modo da poter garantire ai single strumenti con cui renderli più sicuri e dare loro maggiore fiducia.

Il pulsante antipanico

Si tratta di un servizio benaccetto, ma non è privo di compromessi sulla privacy. Gli utenti saranno tenuti a comunicare molti dati personali, incluso l’accesso alla loro posizione geofisica e i dettagli sulla persona con cui si stanno collegando: in particolare, gli utenti dovranno inserire il nome della persona che intendono incontrare, nonché quando e dove, in una funzione chiamata Tinder Timeline.

Se la situazione diventa pericolosa, la persona potrà premere il pulsante antipanico per avvisare con discrezione i servizi di emergenza. Una volta attivato un allarme, i dispatcher di Noonlight si attiveranno per comunicare con l’utente e avvisare i soccorritori in caso di necessità, fornendo loro le informazioni che una determinata persona ha condiviso sulla propria Timeline.

Catfishing

Già da domani, Tinder sarà dotato di una Photo Verification: un modo per aiutare a verificare l’autenticità di un appuntamento in modo che gli utenti abbiano la possibilità di incontrare qualcuno che è reale.

La verifica fotografica verrà eseguita – naturalmente – perlopiù sui propri dati personali. Verrà chiesto agli utenti di verificare la propria identità scattando diversi selfie in tempo reale che gli “umani fidati” e il riconoscimento facciale useranno per verificare che le foto del tuo profilo siano davvero tue.

Scambio

È difficile obiettare contro gli sforzi di Match per combattere il catfishing e i crimini violenti contro gli utenti che, potenzialmente, si mettono a rischio ogni volta che si presentano a un appuntamento. Se la connettività online può aiutare a salvare vite umane e prevenire attacchi, perché non consegnare i dati personali?

Molti utenti lo considereranno probabilmente un compromesso utile. Ma ci sono, in effetti, buoni motivi per pensarci due volte prima di concedere ancora più accesso ai nostri dati di quanto i nostri dispositivi stiano già facendo a nostra insaputa (Tinder compreso), e fatti su chi stiamo vedendo e quando.

Ad esempio, la settimana scorsa, abbiamo posto questa domanda: cosa fanno i condivisori di file online con 70.000 immagini di Tinder?

Questa è la cache di dati che è stata trovata su diversi siti web non divulgati, probabilmente a causa del fatto che le immagini del sito sono state scartate con uno script automatizzato. Non è la prima volta che Tinder è al centro di polemiche: è successo anche nel 2017 quando un ricercatore che lavorava per la consociata di Google Kaggle ha rubato 40.000 immagini di Tinder per addestrare l’IA. Per quel che vale, egli si riferiva in modo poco elegante agli utenti di Tinder come a “prostitute” nel suo codice sorgente.

Come ha sottolineato il ricercatore Aaron DeVera, un tale dump è “molto prezioso per i truffatori che cercano di gestire un account personale su qualsiasi piattaforma online”. Naked Security ha non pochi dubbi su tale possibilità per vari motivi: per favore, leggi il commento di Danny Bradbury in merito.

Ad ogni modo, oltre a combattere il catfish, al riconoscimento facciale assistito dall’uomo e al nuovo pulsante antipanico, Tinder acquisirà anche un messaggio di rilevamento delle molestie – chiamato “Ti dà fastidio?” – che sarà alimentato dal machine learning, oltre che un rinnovato Tinder Safety Center nella app.

Lettori, cosa ne pensate di queste nuove funzionalità di sicurezza? Ti impediranno di preoccuparti un po’ meno di amici e parenti che sono in città con sconosciuti incontrati su Internet? Saremo lieti di ricevere le vostre opinioni nella sezione commenti qui sotto.

Infine, una nota “OK, Boomer”: a te che prendi appuntamenti online, fai attenzione, e se hai altri suggerimenti su come farlo, ti preghiamo di intervenire.

Leave a Reply

Your email address will not be published.